G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

HOMEPAGE
 

Firenze
2 FEBBRAIO 2014

HOMEPAGE

Anello di Castel Petraio (Montagnola Senese)

 

Piove da una settimana, ma chi ama stare fuori, vedere il mondo e sentire l'aria che entra nei polmoni
non resiste ed esce. Come al solito, il mondo ti ripaga. Sotto: Castel Petraio, il punto di partenza dell'anello sulla Montagnola senese

Il castello oggi trasformato in un luogo di villeggiatura per ricchi turisti,
ma in questa stagione il silenzio assoluto lo pervade restituendogli l'aria misteriosa del tempo che fu.

Di qui passa la Via Francigena, detta anche Romea
( la stessa strada, ma dal nord Europa a Roma si chiamava Romea,
da Roma verso il nord prendeva il nome di Francigena)

La Montagnola senese una collina completamente ricoperta di bosco.
Se non si provvisti di carta, bussola o GPS facile smarrire la strada.

E non basta. Infatti questo il percorso registrato dal GPS (km 13.2 in rosso - in verde il tratto che coincide con la Francigena)

E questo il particolare ingrandito nei pressi del Cippo (Memorial) che ricorda l'eccidio di Montemaggio:
come si pu notare il sentiero percorso non corrisponde affatto a quello presente su OpenStreetMap.
Quindi non basta avere  carte e GPS, quando le indicazioni sono errate (sentiero tratteggiato):
abbiamo faticato un poco a trovare la strada giusta
(nessuno dei sentieri percorsi fino al cippo segnato, solo un po' di esperienza  ha risolto il dilemma
in un bosco dove a un certo punto sembrava non vi fossero pi sentieri)



Il cippo che ricorda l'eccidio di 19 partigiani a Montemaggio:
cliccando qui trovate la storia dell'evento

Sulle pietre di un muretto si vedono ancora i segni delle pallottole
(come a Pievecchia: si clicchi qui per la nostra gita in quel borgo)

Lasciato il luogo dell'eccidio la stradella volteggia in quota ben segnalata

Una delle rare case che si trovano sulla Montagnola

La discesa sul sentiero Cai 100

Poco dopo possibile salire su questa torretta
dove situato l'unico punto in cui si pu osservare il panorama

E il panorama questo: Il minuscolo borgo medievale di Monteriggioni
ben protetto da una cerchia di mura e torri
(ripreso con teleobiettivo / ritaglio di particolare)



Proseguendo, Simba (la cagnetta che cammina con noi) fa degli incontri

Il luogo bucolico e ci si ferma per il pranzo al sacco

Ma il cane Rocco (una razza africana, che in quel continente abituata a cacciare i leoni)
d la caccia alle vivande di Rosella (anche Simba guarda interessata)

E perfino quando Rosella tira fuori un fazzoletto, Rocco s'aspetta che ne esca fuori un bocconcino

Sempre qui Stefano gironzola con la macchina fotografica e ferma questa immagine
che l'esempio di una buona composizione: un solo soggetto (le umili foglioline)
nel luogo giusto (la regola dei terzi in fotografia basilare) contrapposte
ad un soggetto secondario (la cavit scura in alto a destra)
posta in diagonale rispetto al soggetto principale (altra regola utile in fotografia)
secondo la regola regina: "il meno il pi".

Comunicare "qualcosa" con una foto non facile come sembra:
le fotocamere, anche le pi costose, non fanno tutto da sole !

Anche l'immagine successiva ha un solo soggetto, umile, ma esaltato dall'inquadratura.
In fotografia la semplicit importante come nella vita.

Terminata la discesa si percorre a lungo la Francigena:
in lontananza le case di Abbadia Isola
(un tempo la piana circostante era una palude e il borgo appariva come un "isola")

La zona stracolma di allevamenti di una razza particolare di suini (la cosiddetta "cinta senese").
Giudicate anche voi: com' possibile che succhiando un po' di fango
vengano poi fuori dei prelibati salamini e succulenti prosciutti?

Si tratta di una razza molto antica, pare che fosse nota anche ad etruschi e romani:
sicura traccia vi nel Medioevo come si pu notare da questo affresco
di Ambrogio Lorenzetti del 1383 conservato nel palazzo comunale di Siena
(immagine tratta da Wikipedia)

La cinta senese deve essere un buon investimento se tanti sono i maremmani che fanno la guardia.

Essendo poco prolifica, con l'arrivo di nuove razze "chiare" la cinta senese stava estinguendosi.
Quando ormai ne rimanevano solo 150 esemplari, ripreso l'allevamento.

Il nome deriva da quella fascia chiara che "cinge" il corpo dell'animale.



Abbadia Isola un borgo piccino piccino, ma non potete dimenticarlo

Ecco un posto tappa per i pellegrini, ma d'inverno - ahinoi ! - chiuso

Una pioggia finissima ci accompagna al punto di partenza: Castel Petraio

Ma siamo cos vicini a Monteriggioni che non si pu evitare di entrarvi a prendere un caff

Si scopre che il piccolo agglomerato ha perfino un parco pubblico: questo.
S questo proprio tutto.

E chiudiamo con questa foto.


Che c'entra una fiammante Harley Davidson parcheggiata in un vicolo con Monteriggioni ? Nulla.

Eppure il segno di una ricchezza che fu e ancora oggi racchiusa in questo magico angolo di mondo.