G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

HOMEPAGE
 

Firenze
9 GENNAIO 2011

HOMEPAGE

DA SIGNA A FIRENZE lungo l'Arno

 

Percorso di  13 chilometri assolutamente privo di dislivelli e difficoltà percorribile in poco più di 3 ore.



Si svolge quasi tutto sulle rive dell'Arno da anni abitate da gabbiani, aironi, cormorani, martin pescatori:
il silenzio e la tranquillità sono garantite (ma da evitare in piena estate perché interamente esposto al sole)

In realtà si tratta della ciclopista del Parco fluviale dell'Arno
che inizia ai laghetti del Parco dei Renai a Signa e termina al Parco delle Cascine a Firenze

La domenica è meta di numerosi camminatori e ciclisti

La direzione di marcia è inversa a quella della corrente del fiume

 

Conviene utilizzare il mezzo pubblico per raggiungere Signa.

Si hanno a disposizione diverse opzioni:

a) il treno per Empoli: si scende a Signa e a destra si prende  a camminare sull'argine dell'Ombrone fino ai Renai.

b) si prende il bus ATAF 72/A al capolinea di Via Antonio del Pollaiolo (Firenze)
e si scende a Signa (è stata la nostra scelta)

c) si prende la tramvia n°1 alla stazione di Santa Maria Novella e si scende alla "Federiga": a cento metri c'è il capolinea del 72/A


 

Le rive dell'Arno sono debitamente curate con piccole aree sosta e informative.


 

Il percorso, oltre a seguire il corso del fiume, fiancheggia la ferrovia, permettendo a chi volesse (debitamente informato sugli orari di Trenitalia) di interrompere la passeggiata prima delle Cascine (si trovano le stazioncine di San Donnino e Le Piagge) e rientrare velocemente in città.
Il parco è abitato da molti uccelli acquatici e si presta alla caccia fotografica.
La passeggiata è adatta a tutti. Ideale nelle giornate d'inverno al riparo dal tramontano. Non indicata nei periodi di calura (non vi sono fonti e - viceversa - in piena estate abbondano le zanzare).
Oltre ai ciclisti e ai pedoni il parco piace anche agli amanti della cavalcata.
L'oggetto più curioso che si trova lungo il cammino è questa specie di anemometro dove il vento oltre a far girare l'elica aziona un meccanismo che consente al pescatore di tirare su il pesce: più tira vento più si pesca (ma quando siamo transitati c'era calma di vento ...). Non è facile individuarlo. Provateci ...