G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

Firenze

 

 25 APRILE

CIVITA di BAGNOREGIO 
(anello a piedi)
Giro del lago di BOLSENA e CIVITA 
(in mountain bike)

Primavera: una finestra sul mondo.
Una finestra di tufo.
E'
Civita di Bagnoregio.

Orvieto

Il tempo è splendido. Dopo un lungo periodo di piogge, una giornata piena di sole.

La gita comincia ancora prima di scendere dal pullman: questa foto, scattata dal finestrino, mostra in controluce la bellissima Orvieto. Chi ha visto lo straordinario Duomo ne riconoscerà certo la sagoma della facciata.

Ecco il lago di Bolsena visto da Montefiascone. E' di origine vulcanica e in pratica il giro del lago, che è di circa 60 km ( in parte su strade sterrate) è un percorso che segue il bordo interno del "cratere".

L'unico tratto impegnativo è la salita a Montefiascone.

Lago di Bolsena

Giornata meravigliosa. Cielo sereno. Assenza di vento. La luce del sole si adagia sul lago e si diffonde tutto intorno. E' la magia della luce. E' la perfezione del silenzio, rotto solo dalla sfrigolio delle ruote tassellate sulla ghiaia dello sterro o, in questo caso, dal click della macchina fotografica.
La gita in bici è assai remunerativa dal punto di vista paesaggistico e facile dal punto di vista tecnico. In ogni momento lo sguardo giunge lontano e le ruote scorrono via veloci come le lancette di un orologio compiendo l'intero giro senza neanche accorgersene. in bici lungo il lago
Lasciato il lago ci si dirige verso Bagnoregio e quindi a Civita, antico insediamento etrusco arroccato su una rupe di tufo che oggi ha un aspetto medioevale.

La rupe subisce una continua erosione: per questo Civita è nota nel mondo come la "Città che muore". Sorge presso i calanchi di Ponticelli (nella foto), i più spettacolari del Lazio.

Nelle immagini sotto la verticalità delle rocce vulcaniche (tufo) su cui sorge Civita 
e l'esplosione di colori della primavera

Qui invece vi proponiamo Civita vista da Bagnoregio e dai calanchi di Ponticelli: poco prima di incontrarsi questi erano i diversi punti di vista dei ciclisti e dei camminatori. Uno spettacolo stupendo da qualunque parte lo si guardi.

Attenzione però, c'è un trucco (di cui si saranno accorti subito tutti coloro che a Civita ci sono stati per davvero): abbiamo fatto "sparire" l'orribile ponte moderno (tutto in cemento) che collega Civita a Bagnoregio (chi volesse proprio vederlo può cliccare qui e andare alla pagina che descrive la gita dei ciclisti).

 

 

 

alle escursioni 2001

come contattarci

Foto

Home Page

 Stefano Bugetti
Giulio Bugetti