G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

Firenze

 29 Ottobre 2006
Un'altra "visita" alle case di campagna
 

Castelfranco di Sopra (Pratomagno)

 


Escursione breve  di  2.30 ore di cammino effettivo



E' l'autunno coi suoi colori sgargianti di sole che emergono dalle prime nebbie

 

E noi l'autunno, l'ultimo sole caldo di un ottobre infinito, ce lo siamo andati a prendere nella casa di campagna di Elena e Ferruccio a Pulicciano - frazione di Castelfranco di Sopra, sulle pendici sud del Pratomagno (escursione andata/ritorno verso Poggio Massa Ladronaia)

Una scusa - in fondo - per stare insieme, camminatori duri e puri e "buongustai" ( a tutti in fondo, terminato il ciclo di escursionisti per acciacchi vari, è riservato un futuro di buongustai )

Eh sì, un bellissimo ottobre: le foglie, avvitandosi nell'aria lentamente, si depositano ai piedi degli alberi e l'erba - sofficissima e piena di luce - le accoglie. Tutto torna alla terra.

E i colori, prima di spengersi definitivamente, hanno un guizzo di vitalità e si infiammano, proprio come gli ultimi botti in una serata di fuochi artificiali.

Ed ecco il "vero" scopo della giornata: una bella tavolata in un angolo di campagna e davanti a una casa incantevoli.
Buongustai (ex camminatori) e camminatori (futuri buongustai) si affratellano nella più antica e gratificante attività che l'uomo conosca.

Come potete vedere (sotto) non ci è mancato niente, ma proprio niente.

 

 

 

Naturalmente l'animale in questione, nonostante sembri sorridere, non deve essere stato dello stesso parere

A proposito di animali ... questo era vivo e tentava di attraversare la strada, sebbene un pò a rilento.

La serpe è un tipico esempio di animale che fa paura, forse per ataviche esperienze (già dai tempi di Adamo ed Eva): è è viscida, fredda, silenziosa.

Ma guardatela da vicino la bestia: ha un aspetto mite, del tutto innocuo. E' solo spaventata dalla nostra attenzione e dalla lente dell'obiettivo che le si avvicina a pochi centimetri.

L'abbiamo aiutata ad attraversare, fermando in tempo un auto che saliva sulla sterrata.

La diversità ci spaventa, ma è altrettanto vero che è il diverso a spaventarsi di noi.