G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

Firenze

La tecnologia e l'escursionismo

 IL GPS

 

Dopo il sole, le stelle, i venti, la bussola, l'altimetro, il nuovo (e più sicuro) modo di orientarsi nel mondo:

il navigatore satellitare
 

    
Ecco un modello di GPS ideale per l'escursionista

     Ideale perchè:

  • piccolo - e leggero - come un cellulare
  • dotato di schermo a colori ben illuminato
  • ridotto consumo energetico (due pile AA ricaricabili sono sufficienti per una escursione)
  • grafico: supporta l'importazione di mappe da PC (da 24 megabytes a 2 Giga di memoria a seconda dei modelli)
  • dotato di bussola digitale
  • applicabile - con idoneo supporto - al manubrio della bici o al vetro dell'auto

Tutti i modelli di GPS dotati di queste caratteristiche sono validi per  praticare l'escursionismo. La tecnologia in questo campo fa grandi passi e gli attuali GPS ( Colorado, Oregon ...) hanno consumo energetico ancora più basso, schermi più nitidi (ora anche touchscreen) antenne più precise, optionals vari come cardiofrequenzimetro, frequenza di pedalata etc... ma la sostanza delle loro funzioni non cambia e tutti gli optional hanno un costo non indifferente (cioè per cominciare non servono ...)
 


Il GPS (Global Positioning System) è la risposta tecnologica alla necessità umana di raggiungere un luogo nel minor tempo possibile e senza il rischio di smarrirsi.

Funziona captando il segnale di almeno 3 satelliti in orbita fissa intorno al globo terrestre.

L'immagine a sinistra indica l'avvenuto contatto con 3 satelliti. Viene perciò rilevata la posizione in coordinate UTM (trasformabili in gradi latitudine/longitudine) e l'errore possibile (in questo caso 20 metri).

Più satelliti sono visibili (luoghi aperti) minimo è l'errore (fino a soli 2-3 metri). Nel caso opposto (bosco fitto, forre, gole) il segnale è debole e lo si può perdere (per questo è utile avere comunque i vecchi strumenti di orientamento - bussola e altimetro - i quali peraltro non corrono il rischio di spengersi per esaurimento delle batterie) 

Lo strumento ha moltissime funzioni, che si possono consultare scorrendo pagine opportunamente impostate dall'utente: qui è visualizzata la bussola e la direzione del punto che dobbiamo raggiungere. Siamo fermi (velocità 0,0 km/h) a 31 metri dal nostro obiettivo, su un'altitudine di 43 metri slm.

Oltre alla funzione di bussola è inclusa anche quella barometrica/altimetrica.

Questa pagina invece indica l'ora (esatta, perchè sincronizzata sul satellite) la lunghezza percorsa (4,07 km) alla media di 6 km/h per un totale di 40 min. e 51 sec. di movimento e 4 min. e 27 sec. di sosta.

Naturalmente si possono avere molte altre informazioni (ad es. ascesa/discesa totale, tempo necessario a raggiungere un luogo o un indirizzo prescelto, ora dell'alba/tramonto ...).

Non indispensabili ma utili calendario, sveglia, ricerca di uscite autostradali, ospedali, pompe di benzina nei pressi dell'utente e molto altro ancora ...

Ma la funzione più importante è quella grafica, tramite la quale si ha un' idea della nostra posizione proiettata su una carta topografica.
Ogni GPS ha il suo tipo di mappa. Per esempio Garmin fornisce le carte digitali Mapsource Europe - molto dettagliate per i percorsi stradali.
Ma non sono tracciati i sentieri. Indispensabile in questo caso l'utilizzo di una carta che mostre le curve di livello ( isoipse dislivello: 50 mt.).

Nell'immagine a lato la freccia è posta sull'isoipsa degli 800 metri.

La mappa delle isoipse italiane non è più scaricabile dalla rete. Era al seguente indirizzo: http://xoomer.virgilio.it/hcgnar/

Provate a cercare il file sul P2P " ITopo50.zip " e "ITopo20.zip".

 

Attualmente comunque Garmin sta immettendo sul mercato carte espressamente dedicate all'escursionismo come Land Navigator Italia, e Trekmap2 dedicata a buona parte delle Dolomiti (esempio a lato) dove sono registrate curve di livello, sentieri, sorgenti, rifugi, cime con grafica ombreggiata (per i GPS che la supportano).

Il prezzo delle carte in Cd e cartucce Sd si aggira intorno ai 90 euro.

Successivamente sono comparse le carte regionali, come quella della Toscana che a noi interessa particolarmente (esistono anche per Emilia Romagna e Lombardia) un po' meno grafiche della Trekmap2, ma utili perché, basate sulla cartografia delle Land Navigator Italia, riportano curve di livello, tipi di boschi e coltivi, cime, rifugi e soprattutto i sentieri CAI "navigabili" (come se fossero strade) per un totale - per la sola Toscana - di 7000 chilometri scansiti.

Con il programma Mapsource su Pc si può adesso programmare una escursione su sentieri segnalati ricavandone l'esatta lunghezza e la precisa configurazione altimetrica (lo stesso non si può fare sulla Trekmap2, almeno con la stessa precisione !). Si può poi scaricare il tutto su GPS e recarsi sul luogo dell'escursione per ripeterla nella realtà.

Sono ulteriormente state pubblicate altre mappe digitali ancora più dettagliate e comprendenti molta sentieristica: la Trekmap Italia v2 e l'aggiornamento v3. Prezzo ufficiale 199 euro.

Torniamo a descrivere le funzioni del navigatore.

Fondamentale la funzione " traccia ". Come Pollicino, via via che si sposta il GPS lascia una traccia (qui blu su uno schermo in visione notturna), indispensabile per ripercorrere il tragitto all'indietro nel caso che si sia smarrita la direzione e assolutamente necessaria per scaricare l'intero percorso sul proprio computer una volta giunti a casa.

Ecco come appare sul computer un percorso realmente fatto: una sequenza di centinaia di punti che il GPS memorizza durante il cammino.

I punti numerati si chiamano " waypoints " e sono i punti memorizzati in modo speciale dallo strumento: in qualunque momento durante la gita - o in un giorno successivo - basta richiamarli e indicare al navigatore di puntare verso uno di questi punti per raggiungerlo.

Qui l'ingrandimento di un particolare dello stesso percorso con le sole curve di livello.

Curve di livello ravvicinate indicano notevole pensenza.

Ecco il profilo altimetrico dell'intero percorso.
A lato l'esempio di una escursione circolare programmata su PC con la versione aggiornata di Mapsource e l'uso della Carta Regionale Toscana Garmin. Siamo nei pressi di Fiesole e con pochi click (esattamente 5) lasciamo che il programma segua il percorso di un sentiero CAI. In qualche secondo sapremo la lunghezza esatta (con tanto di road map descrittiva e stampabile) e in contemporanea potremo disegnare il grafico altimetrico della nostra escursione.
Ecco il grafico altimetrico dell'escursione.

Il programma rileva in questo esempio un dislivello di 187 mt in salita negli ultimi 1,73 km su un percorso di 7,1 km. Naturalmente si può misurare il dislivello in qualsiasi punto e quindi calcolare il dislivello totale.

Alla nostra homepage potrete trovare un link ad un sito che calcola la pendenza media di ogni salita.

In fase di progettazione di una escursione prevedere la pendenza è molto utile per giudicarne la fattibilità e la durata.

 

Non è finita qui.

Da Mapsource con un semplice click possiamo proiettare la nostra gita sulla cartina satellitare di Google Earth (con possibilità di zoom notevole).

Ecco come appare la gita/esempio: sono segnalati i nostri waypoints e perfino il numero dei sentieri.

Semplicemente fantastico.

A questo punto basta mettersi gli scarponi e uscire.

Però prima date un'occhiata alle previsioni del tempo che naturalmente trovate andando alla nostra homepage !

Per scaricare alcuni nostri percorsi registrati con GPS GARMIN
( si possono poi trasferire ai propri ricevitori e ripercorrere con sicurezza ogni gita)
si vada alle singole escursioni elencate in questa pagina.

Divertente potrebbe essere la "caccia al tesoro" imperniata sull'uso del GPS:
in questo caso consultate il sito GEOCACHING ITALIA