G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

Firenze

 

 25 MARZO

Sentiero Giovanelli

Monte Gatta (Lago Brasimone)

E' primavera !

E' primavera! E la terra - in perfetto silenzio - si tinge di mille colori: 
un coro di violette s'Ŕ dato appuntamento, come ogni anno, lungo il muro in pietra di una vecchia casa

Poco dopo questo semplice guado inizia il sentiero Giovanelli. Abbiamo da poco lasciato alle spalle la localitÓ il Molino, dove ad una donna (l'unico essere umano incontrato lungo il percorso) affacciata alla finestra abbiamo chiesto: - Va bene di qua per il sentiero Giovanelli ? e lei: - Di nome ?
Al che ci Ŕ venuto il sospetto che esistessero diversi sentieri Giovanelli.

Abbiamo volutamente fatto finta di non capire.

 

Ed ecco l'inizio vero e proprio del sentiero. 
Una scritta in rosso sulla roccia avverte:"
Sentiero per esperti".

(il problema Ŕ che per definizione gli imprudenti credono sempre di essere esperti)

In realtÓ l'avvertimento Ŕ giusto: essere esperto significa avere molta esperienza, aver sperimentato giÓ situazioni difficili e impreviste.

Sentiero per esperti

Targa A sinistra (con vista dal basso verso l'alto) la targa infissa sulla parete rocciosa che svela l'importanza del nome: sentiero SERGIO Giovanelli
Probabilmente tutti nella zona fanno Giovanelli di cognome !

A destra un tipico passaggio: boscaglia fitta, tratti rocciosi, qualche punto esposto. Niente di veramente difficile, ma da sconsigliare a chi non ha passo fermo, una certa agilitÓ, a chi teme il vuoto
Una scivolata pu˛ essere fatale. 
E attenzione a non afferrare un ramo secco per tirarsi su !

Il sentiero si inerpica dal fondo della gola sul fianco destro fino a raggiungere il livello del bacino di Brasimone.
 Disegno astratto Immagine ripresa dal sentiero Giovanelli. Inquadra, come in un disegno astratto, la foresta di alberi, ancora nudi, sulle pendici del Monte Gatta, che nel frattempo venivano percorse dall'altro gruppo.

La luce del sole fa brillare i rami e rivela come il vento, che nella gola spira da destra verso sinistra, li abbia costretti a poco a poco a piegarsi in quella direzione.

L'aspetto brullo e grigio del bosco visto dall'alto contrasta col verde brillante dell'erba lungo i sentieri e i mille colori dei fiori.

 

 

 

alle escursioni 2001

come contattarci

Foto: 

Home Page

Stefano Bugetti