G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

Firenze

 2 Febbraio 2007
 

Anello di Montefioralle (Chianti)

 
 

PAGINA IN COSTRUZIONE

Itinerario di  km 12 per  3 ore   di cammino



Lo splendido borgo di Montefioralle

 

L'escursione inizia da Montefioralle, a due passi da Greve in Chianti e giunge fino a Cafaggiolo. Poi prende la strada di Testalepre e rientra a Montefioralle dopo la sosta gastronomica.

Rielaborazione dalla carta Kompass Firenze - Chianti 1:50.000

Il silenzio antico, fatto di pietre, scale, angoli bui e freschi, vasi di fiori, piccoli vicoli curvi e stretti: è questa la pace che regna sovrana a Montefioralle.

 

Siamo venuti per camminare però.

E allora camminiamo !

E' magnifico possedere in contemporanea la capacità di contemplare - il che richiede una immobilità mentale assoluta - e quella di agire, muoversi dentro la realtà - come appunto il camminare.

La pratica dell'escursionismo concilia entrambe queste nostre potenzialità.

Vi capiterà spesso, seguendo le nostre gite, di imbattervi in questo tipo di foto. Non avete l'idea di quanti specchi - ad uso degli automobilisti - si trovano in giro.

Deformano, ma allo stesso tempo ci permettono di inserirsi nel paesaggio circostante.

Qui si è verificato un miracolo ! Uno dei partecipanti emana luce dal viso
(... perchè si è dimenticato di spegnere il flash)

Terminata l'escursione, in attesa del pranzo, ci si rilassa al tiepido sole di questa perenne primavera.

Ci sono molti modi per ritemprare il corpo.

Uno - l'abbiamo già visto - è camminare: migliora la muscolatura, la circolazione, il respiro, brucia gli zuccheri e i grassi e fa dimagrire.

L'altra ... è questa. E sospettiamo che sappiate a cosa (non) fa bene.

Nell'uno e nell'altro caso ci piace trattare bene il nostro corpo !

Arrivare belli stanchi e rilassati, sedersi e mettersi a tavola, serviti e riveriti.
Non è questo l'obiettivo di tutta la vita ?

Anche qui - come nelle migliori famiglie - quelli che mancano sono quelli che hanno lavorato:
Sergio, Vanna Resisti, Lidia e Walter