G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

Firenze

 5 Novembre 2006
Appennino Tosco-Emiliano
 

Anello del Beato Pietro (Montepiano)

 


Escursione di circa  4 ore di cammino effettivo


E' autunno. I faggi si spogliano e le foglie si accatastano morbide sulla terra.
Con un pò di fantasia ( e un filtro infrarosso digitale) si può fare un salto nel futuro, quando - tra un paio di mesi -
la neve coprirà morbida le morbide foglie che coprono la terra.
E si chiamerà inverno.

Luogo di partenza e arrivo: Montepiano (in provincia di Prato) mt. 700.

Si prende la strada della Badia sul segnavia 2 3 che si segue fino al Passo dell'Alpe di Cavarzano. Il ritorno è per il sentiero 2 5.

Sentiero del Beatro Pietro

"Questo percorso è costituito da un anello trekking lungo i sentieri 23 e 25 del CAI. Da Montepiano si raggiunge la badia, consacrata nel 1107 e attestante una forte presenza religiosa che nella zona ha lasciato ampie tracce anche nella religiosità popolare. Figura leggendaria fu qui il beato Pietro, un eremita che viene ricordato come l'antagonista dei conti Alberti "

dal sito "Prato e la sua Provincia"

Niente da aggiungere alle immagini: il bosco è il padrone di questa giornata

I piedi affondano nel letto di foglie.

E' un continuo CIAF ! CIAF !

 

Attenti ai sassi nascosti sotto  però ...

E attenti a non sbagliare percorso !
Qui ad esempio il sentiero principale sembra andare giù dritto, ma il segnavia 23 indica a destra. E' buona norma fermarsi e controllare su cartina.

Gita ideale per escursionisti che amano stare all'aria aperta senza troppe avventure.

C'è acqua di fonte (a sinistra) e un bellissimo prato ( a destra) dove si può fare un grande fuoco: la prossima volta salsicce !