G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 
HOMEPAGE
 

Firenze
27  APRILE 2014

HOMEPAGE

Anello di Montespertoli

 

Percorso di circa 20 chilometri con 720 metri di dislivello in salita (si veda in fondo a questa pagina)
che si snoda su terreno collinare per larghi tratti su strada asfaltata a scarso flusso veicolare e su scorrevoli strade sterrate,
adatto a periodi di tempo incerto e piovoso come questa domenica

Punto di partenza e arrivo San Pietro in Mercato, poco prima della Pieve omonima (citata per la prima volta nel 1008)



... dove ci facciamo una foto di gruppo "preventiva": infatti sta cominciando a piovere e la giornata promette acqua

 La strada risale verso Montalbino e non mancano "quadretti" toscani: qui gli iris in fiore
(che noi chiamiamo giaggioli dal toponimo "ghiacciolo" dato che il nome in origine si riferiva agli iris bianchi che crescono lungo i canali)

 E figuratevi se possono mancare i cipressi !

 Quando la strada rispiana il passo accelera, ma attenti all'autovelox !

 Poco dopo entriamo in una frazione denominata "Trecento".
Incuriositi, chiediamo a qualcuno del posto l'origine del nome.
Ognuno ha una riposta diversa tipo: " antico appezzamento di trecento iugeri all'epoca romana"
oppure: " si trova esattamente a 300 metri di quota".
L'ultima risposta, quella buona, "Boh !"
Sulla Rete nessuna notizia a riguardo.

 In compenso ci viene spiegato il motivo per cui nei vigneti all'inizio di ogni filare c' una pianta di rosa:
serve per segnalare l'eventuale infestazione da fillossera della vite
(Daktulosphaira vitifoliae )

 Lasciamo Trecento ...

 ... e ci dirigiamo verso Lucardo.
Lungo la strada - gulp ! - ci sono le previsioni del tempo per i prossimi minuti

 Infatti a Lucardo bisogna aprire gli ombrelli

 Segue un lungo tratto in mezzo a boschi e calanchi

 Nonostante il maltempo la primavera avanza coi suoi vessilli colorati

 Quando affiora la stanchezza e si comincia a sperare di essere vicini alla meta
compare il cartello con l'indicazione di Montespertoli.
Purtroppo c' scritto anche il numero di chilometri mancanti ...
(notare la goccia di pioggia sull'obiettivo, indizio della noncuranza - ahi ahi - con cui il fotografo maneggia il prezioso aggeggio)



 Segnalazioni perfette e tutti arrivati a destinazione
con l'indimenticabile piacere di accomodarsi in macchina
(se non avete fatto almeno 20 chilometri e con allegra salita finale, quel piacere non potete nemmeno immaginarlo, credeteci !)

Sotto il percorso disegnato su mappa OpenFietsMap 2014_Ev0130 su licenza OpenStreetMap

Sotto il grafico altimetrico disegnato da Mapsource Garmin: tutto un saliscendi continuo
tra i 100 e i 400 metri di quota, tipico del paesaggio collinare toscano