G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

Firenze
 

CHI SIAMO

DOVE ANDIAMO

QUANDO ANDIAMO

PERCHE' ANDIAMO


I Gruppo Ambiente Trekking Le Torri è nato a Firenze nel novembre1988 per iniziativa di alcuni iscritti al Gruppo Podistico Le Torri.

La motivazione iniziale fu l'esigenza di condividere ore piacevoli con amici e familiari, che non erano in grado - per diversi motivi - di praticare una attività sportiva impegnativa e faticosa come la corsa a piedi.

Una seconda motivazione era il crescente bisogno di "fuga" dalla città (i suoi nervosismi, i suoi tempi stretti e assordanti) per liberarsi della tensione che normalmente riesce a rendere abbastanza spiacevole il trascorrere dei giorni lavorativi. Infine non fu estraneo il bisogno di "usare" il corpo, di risvegliarlo dal torpore del benessere, a lungo identificato - per un malinteso ad arte diffuso dalla società dei consumi - nel cosiddetto "riposo". E' sorprendente la sensazione di "tornare liberi" che si prova dopo una lunga - a volte faticosa - camminata all'aria aperta (la voce "escursione" deriva dal latino excursione(m), da excurrere ‘correr fuori’, composto di ex- ‘fuori’ e currere ‘correre).

All'inizio il Gruppo era una manciata di amici. Anche se oggi valgono le stesse regole (non esiste una gerarchia, tutti fanno tutto o almeno quello che sanno e possono fare) oggi il G.A.T.TO. ha un "giro" di una sessantina di frequentatori, alcuni assidui, altri più o meno saltuari.
Abitualmente ad una escursione partecipano dai quindici ai cinquanta iscritti.

Chi non ha mai camminato per sentieri immagina di non avere le qualità fisiche per farlo.
In linea generale non è vero. Anche se appare paradossale infatti, i giovani che fanno escursionismo sono una minoranza.

E' un fenomeno comune nell'ambiente dei gruppi come il nostro: il trekking è tutto fuorché improvvisazione. Solo la saggezza dell'età ("nel mezzo del cammin di nostra vita") anche a dispetto della diminuita energia fisica, porta con sé qualità come la prudenza, la misura, la conoscenza dei propri limiti, il rispetto di quelli imposti dall'ambiente e soprattutto la capacità di assaporare il piacere della fatica in un'attesa - a volte lunga, ma ripagante - del successo

A ben vedere il problema dell'età è solo marginale e di natura anagrafica. 

Noi consigliamo di cominciare a camminare a tutti, a qualunque età: è l'unico sistema di tornare giovani se non lo si è più.

 Il G.A.T.TO. ha sede a Firenze, nel Quartiere 4.

 

E' vero, siamo dei privilegiati. E' una fortuna - per chi ama camminare - nascere nel capoluogo di una regione così varia e bella da consentire in qualunque periodo dell'anno escursioni sempre remunerative

D'inverno abbiamo le colline del Chianti tra loro legate da infinite  stradelle che si inerpicano tra ulivi, fattorie e vecchi castelli. Ai primi tepori di primavera poi, una gita al mare di Maremma o della Versilia rinvigorisce quanto basta per godere di una lunga stagione che porterà più volte sulla groppa morbida e verdissima dell'Appennino e dei suoi contrafforti o alla ruvida roccia delle Apuane, infide ma luminose terrazze protese sul mare. L'interruzione estiva infine, che di solito spinge per la calura a emigrare verso le montagne "vere" del Nord, ripiega lentamente nell'autunno verso mete più vicine, fino a giungere nei mesi scuri dell'inverno sulle colline che guardano compiacenti la nostra città.

La
Toscana
è il nostro paradiso. Ma ne esistono mille altri di luoghi belli in Italia.
Perciò spesso "sconfiniamo" nelle regioni limitrofe.

Un salto sulle Dolomiti è d'obbligo  per un week-end  e per una vacanza settimanale.
Trekking non significa solo montagna. In questi anni abbiamo visitato quasi tutte le isole del Tirreno.

Come si osserva scorrendo il programma, la maggior parte delle camminate sono facili, adatte a (quasi) tutti, anche se occorre un pò di allenamento per quelle che superano le 4 ore di percorrenza. Tuttavia non mancano, quando si è nei luoghi giusti (ad esempio le Dolomiti) percorsi più impegnativi per chi, ad esempio, ama cimentarsi sulle ferrate

Tutto l'anno. In Toscana non esiste stagione proibitiva per il trekking. Le migliaia e migliaia di chilometri di tracciati contrassegnati dal CAI o da enti di promozione turistica consentono escursioni a bassa quota durante la stagione invernale, lasciando a quando farà caldo le passeggiate più impegnative sulle montagne. 

Centinaia di cartine 1:25.000 - aggiornate e dettagliate - coprono ormai quasi tutta la regione (per informazioni rivolgersi alla Libreria Stella Alpina a Firenze. E' una libreria specializzata e i librai, che conoscono e amano la montagna, sono sempre ben felici di aiutarvi nella vostra ricerca ). Da consultare anche lo sportello cartografico
della Regione Toscana
da cui si possono scaricare gratuitamente cartine 1:10000 di tutta la regione (si veda il link alla nostra homepage)

 

Le gite di un giorno si svolgono di domenica.

 

La partenza è davanti alla sede del Circolo ARCI Le Torri, Via Lunga 157 - Firenze.

L'orario di partenza è variabile, poiché dipende dalla distanza del luogo dove si svolge la gita.

Normalmente avviene tra le 7.00 e le 8.30.

Il mezzo di trasporto che usiamo per recarci sul percorso è anch'esso variabile: se l'escursione è vicina e il tempo incerto (come nei mesi invernali) si preferisce usare l'auto. Quando il luogo da raggiungere è lontano, la guida, specialmente al ritorno, aggiungerebbe stanchezza a stanchezza: in tal caso preferiamo affittare il pullman, su cui sia all'andata che al ritorno è facile ora lasciarsi scivolare in un privato sonnellino, ora impegnarsi in discussioni animate su come va il mondo.
Laddove è possibile usiamo i mezzi di trasporto pubblici come
bus o treni di linea.

 

Le gite di due giorni portano sempre molto lontano. La partenza col pullman perciò avviene sempre prestissimo (quasi sempre tra le 4 e le 5) ma il viaggio vale di certo questo sacrificio

Già: perché andiamo ?

 

Una domanda che non ci siamo mai posti. E già questa è una risposta. 

Poiché chi sta bene non si pone mai domande sul perché fa le cose che lo fanno stare bene (le fa e basta). 

Sforzandoci un pò tenteremo comunque di dare alcune risposte.

Vi consigliamo di andare alla sezione Camminare fa bene ... che tratta dei benefici psichici e fisici dell'escursionismo.

 

Intanto rispondete a questa domanda:
perché vi aspettate una risposta a questa domanda ?

Se già non lo fate, cominciate a camminare e avrete la risposta
Se già lo fate,
la risposta ce l'avete già
.

 

 

 
Telefonare a:

 
 
 
Walter

Giancarlo

Stefano
 

   055 7320259
   335 6053574
   338 4538072
 

 

Cliccando sul volantino puoi andare alla pagina della cena con la quale nel 2003 abbiamo festeggiato il quindicesimo compleanno del G.A.T.TO.

Tradotto significa che un gruppo escursionistico non cammina e basta.

Anzi qualcuno sostiene che gli iscritti corrono a tavola più numerosi e più in fretta, specialmente se a preparare la cena c'è un cuoco speciale ...

 

 

 

              

La partecipazione alle escursioni è libera
e implica la non responsabilità del Gruppo per danni a cose o persone