G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 
HOMEPAGE
 

Firenze
18 Gennaio 2015

HOMEPAGE

Anello del Mulinaccio di Scandicci

 

Escursione di 14 km appena fuori Firenze.

La passeggiata si snoda alle spalle di Poggio Valicaia immerso nella pineta (foto sotto)
e si dirige verso la valle dove scorre la Pesa

Uscendo da bosco si costeggia il piccolo laghetto delle ninfee

E qui - per la prima volta - testiamo il nostro progetto "SPAZZACAMMINO",
che consiste nel ripulire i sentieri dove transitiamo dello sporco vario abbandonato da passanti poco civili.

Osservate un particolare della foto di gruppo al laghetto, in particolare Dario che saluta con la mano destra ...

... ma un secondo dopo alza anche la sinistra, e cosa tiene in mano ? Un bidone di plastica raccolto poco prima !

Lungo il percorso si trovano vari oggetti abbandonati, addirittura attaccati ad un albero come questo
che tuttavia, essendo in una radura a lato di una strada secondaria, sembra pi un segnale di "richiamo"
che un rifiuto vero e proprio

Nel Gruppo (G.A.T.To.) ci sono molti iscritti agli "angeli del bello"
che a Firenze fa volontariato di pulizia urbana nelle aree verdi.

Ma anche fuori citt bello vedere boschi e prati puliti come la natura li crea

Comunque ci sono rifiuti pi "ingombranti"
come questa autobotte FINA abbandonata nel bosco svariati decenni fa:
impossibile da portare via

Usciti all'aperto si percorre un tratto di strada asfaltata - direzione San Michele a Torri

San Michele a Torri

Per andare al Mulinaccio occorre prendere Via del Lago

Il Mulinaccio si trova sul fondo di una valletta dove scorre l'acqua di un fosso

"Il luogo stato quasi ignorato da tutte le guide turistiche della zona e anche trovarlo non facile
visto che esternamente quasi invisibile a causa della vegetazione che lo ricopre"

dal sito Wikipedia:http://it.wikipedia.org/wiki/Mulinaccio_di_Scandicci
dove descritta la storia della costruzione che risale al 1634

Il luogo incassato e anche a mezzogiorno in ombra.
L'acqua esce da una bocca che si apre sul muro laterale formando una cascatella.
Per ottenere un aspetto "setoso" occorre usare un tempo di scatto abbastanza lungo.
L'ideale sarebbe disporre di un cavalletto ...

... ma in mancanza del cavalletto, per evitare di ottenere una foto mossa,
 ci si pu appoggiare a un albero ( cos che si ottenuta la foto sopra)

Il Mulinaccio una costruzione sui generis: in realt si trattava di tre mulini in sequenza
che utilizzavano l'acqua contenuta in una diga a protezione di un lago.

Qui vedete il punto della diga in cui l'acqua entra (a destra) per uscire dalla cascatella (a sinistra)

Terminata la visita al Mulinaccio si prosegue sull'anello.
Sui sentieri spesso si trova qualche ostacolo. Guardate in quanti modi diversi si possono superare.

Nel tratto del ritorno, verso Marciola, qua e l case di campagna, inconfondibilmente toscane

E' bello correre e giocare nell'erba sotto un bel sole

Il ritorno su stradelle

Una pietra reca una scritta a mala pena visibile:
"RICORDO PRIGIONIERI DI GUERRA 1918"

Dante ci spiega che quella strada stata dunque costruita dai prigionieri austriaci.
E' cos difficile oggi immaginare il passato.

Sotto: la mappa del percorso