G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

HOMEPAGE
 

Firenze
7 marzo 2010

HOMEPAGE

ANELLO DI PIETRAMARINA (Montalbano)

 

Percorso di 11 km (3 ore di cammino escluso le soste) con 525 metri di dislivello



Ecco il sasso del Diavolo sulla cima del Monte Pietramarina
cos detta perch nelle giornate serene da questo masso si riesce a vedere il Mar Tirreno



Comunque dal versante opposto a 23 chilometri di distanza si distingue la Cupola del Brunelleschi
 

 

Da Carmignano proseguire sulla strada provinciale 43 fino a poco oltre Santa Cristina di Mezzana. Subito dopo l'incrocio con Via Madonna del Papa (che conduce a Bacchereto) si parcheggia su un piccolo spiazzo sulla destra.
Si prosegue a piedi sulla provinciale fino a lasciarla per dirigersi al piccolo nucleo di case di Verghereto. Qui si segue il sentiero n1 che costeggia un lago di pesca artificiale e sbuca a destra su Via Castra. Giunti al campeggio si seguono le tracce del sentiero n300 che supera l'Abbazia di San Giusto e continua a salire fino al culmine del Monte Pietramarina. Nei pressi di un ripetitore nasce il sentiero n 2 che in discesa sull'altro versante riconduce al punto di partenza.

 

Cliccare su questo link
http://it.wikiloc.com/wikiloc/view.do?id=773132
per "navigare il percorso su Wikiloc e Google Earth.

Questo anello stato progettato esclusivamente su computer su Trekmap Regionale Toscana Garmin.

Come prima esperienza ci ha lasciato soddisfatti: nessun problema nell'individuare il percorso sul terreno, anche se solo parzialmente segnalato.

Nonostante il freddo intenso e il brutto tempo di questo inverno che sembra non finire bastato qualche raggio di sole per far spuntare gli anemoni.
Il Sasso del Diavolo a Pietramarina.
Parlottando (questo l'escursionismo: vedere, ascoltare, comunicare ... mentre si cammina).
L'abbazia di San Giusto al Pinone (XII secolo).
Sul retro della chiesa un campo di tiro con l'arco.
Naturalmente non passiamo inosservati.
Dal sito www.turismo.intoscana.it:

Pietramarina, situata sulla dorsale del Montalbano, un luogo suggestivo ricoperto da una splendida lecceta e che ospita un megalite chiamato il Masso del Diavolo, roccia sulla quale sono stati scavati scalini e vasche che ci fanno pensare ad un antico luogo di culto  di sicura origine etrusca da cui nelle giornate serene possibile vedere l'isola di Gorgona.

Negli anni Novanta grazie a scavi archeologici stata rinvenuta la cittadella etrusca. E' stata scelta questa zona dagli etruschi grazie alla sua posizione dominante, da cui possibile vedere le citt circostanti: Fiesole, S.Gimignano, Volterra e la costa livornese. La cime del colle circondata da una bella cinta muraria, di 3 metri di larghezza e 360 metri di lunghezza. Al loro interno un'area di quasi un ettaro da cui si sono trovate diverse strutture monumentali: una di et arcaica del V secolo a.c., un edificio ellenistico e un'area monumentale romana. Al centro dell'insediamento stata scoperta un'area di fuoco rettangolare e alcuni fori per i pali della capanne, questo significa che il sito era abitato a partire dal VII secolo a.c. .

 

Il sito raggiungibile cliccando qui

Il sentiero 2 - tutto in discesa - chiude l'anello.

In fila indiana sul sentiero ben coperti (il sentiero esposto a nord e al tramontano).
Una bella fonte di acqua cristallina. Ma nessuno per il freddo osa avvicinarsi.