G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

HOMEPAGE
 

Firenze
16 FEBBRAIO 2014

HOMEPAGE

 Anello di Baccaiano - Montespertoli

 

Escursione facile, abbastanza lunga (oltre 17 chilometri) e quasi tutta su strade secondarie e asfalto.
Temperatura gradevole - anche troppo (specie a salire). Insomma: prove (anticipate) di primavera.

L'anello inizia e si conclude a Baccaiano. Al parcheggio Simba, la cagnetta che cammina con noi,
si fa fotografare su questo furgone: peccato non sappia leggere.

E questo è un agguerrito gruppo escursionistico di Baccaiano che ci fa concorrenza.
Noi siamo 22, loro non si sa. Qui se ne contano 11, poi 14 e dietro chissà ...

Via di Fezzana sale dolcemente sulla groppa della collina e subito appare la tipica campagna toscana

Vecchie coloniche con le caratteristiche "piccionaie"

Restaurare e mantenere le vecchie case costa e a volte il lavoro ha un risultato discutibile

La mimosa non ha retto all'attesa dell'8 marzo ed esplode di giallo: non sentite il suo profumo ?

Intanto Simba va su e giù triplicando i chilometri

Ma dall'alto di un tetto qualcuno osserva in silenzio

A Poppiano un magnifico castello

"Nel medioevo Poppiano faceva parte del sistema di difesa di Firenze,
circondato da un triplice giro di mura, su un poggio dotato di terrazza naturale panoramica.
Fu costruito circa dopo l'anno Mille ed è citato almeno dal 1199,
quando apparteneva già ai Guicciardini, tuttora proprietari" (da Wikipedia)

E' da questa inquadratura che si nota la forza e la magnificenza del castello



Qui tutto è Guicciardini

E questo non è Ferdinando Guicciardini, l'attuale proprietario del castello,
ma per noi Dante è molto più importante ...

A bocca aperta: chi non sogna ogni giorno di camminare nel sole di questa strada di cipressi !

E se vi voltate indietro riuscite a scorgere la torre del castello

Naturalmente non c'è limite al bello

E proseguendo ...

... si incontra il minuscolo (e a tutti sconosciuto) borgo di Brugnano: un autentico gioiello ...

 ... con l'orologio perfettamente funzionante
(sono le 10.55 nella foto sopra e le 11.05 in quella sotto, giusto il tempo di allontanarsi)

Superato Lucignano una ripida discesa conduce al fondovalle dove scorre il torrente Virginio ...

... lo si attraversa su un ponticello

La strada risale per ripidi tornanti sul crinale opposto fino a Montespertoli.
Naturalmente non passiamo inosservati; comunque "can che abbaia non morde", dicono

E non si finisce mai di imparare: quello che si vede (portato al guinzaglio dal padrone nella piazza di Montespertoli)
da lontano sembrava un enorme cane. Si tratta invece di un elegante esemplare di alpaca

La cosa più interessante di Montespertoli è questa ragguardevole pasticceria
dove abbiamo potuto dare sfogo ai bisogni più nascosti
(al diavolo colesterolo, trigliceridi e robaccia del genere,
dopo tutto avevamo già percorso fin qui13 chilometri!)

La pancia del fotografo è dovuta alla distorsione del calice (ehm ehm ... ci credete ?)

Ma proprio di fronte a quel luogo di piacere una cavalletta si dibatteva disperata
nel tentativo di scollarsi (inutile fino a quel momento) da un ramoscello.
Barbara l'ha liberata. Anche la cavalletta porterà un buon ricordo di quella pasticceria.

Proseguendo sul crinale opposto appare il castello di Poppiano
e con una sola occhiata si abbraccia tutto l'anello percorso
meravigliandosi un po' di quanto spazio si possa fare con le sole gambe

Imboccata la discesa: giù oltre quella colonica ritroviamo Baccaiano,
l'auto e la strada per tornare a casa con un pomeriggio ancora lungo da riempire

Il percorso fatto

tracciato disegnato su mappa Opensfiet Lite (su licenza OpenStreetMap)