G


ruppo

A


mbiente

T


rekking


Le 

T

O

  
rri  

 

HOMEPAGE
 

Firenze
26 GENNAIO 2014

HOMEPAGE

Anello di Tavarnuzze - Chiesanuova

 

Si tratta di uno dei tanti percorsi ad anello progettati a tavolino su PC
grazie alle tracce di sentiero segnalate dagli utenti di OpenStreetMap
e resi sicuri dall'utilizzo - durante il cammino - da programmi gratuiti
come Oruxmap su tablet Android con funzione GPS

Giornata soleggiata con l'aria che nasce frizzantina di prima mattina e matura lentamente in un confortevole tepore
(sopra: i 43 escursionisti sul ponte che supera la Greve in Via degli Scopeti)

Rispetto al percorso programmato (sotto) in corso d'opera abbiamo apportato un paio di modifiche
scoprendo stradelle e sentieri ai pi sconosciuti

tracciato disegnato su carta OPENFIETSMAP LITE (su licenza OpenStreetMap)

Il sole ha messo di buon umore tutti: qui Rosella si accorge
che i cappellini sono tricolori (bianco/rosso/verde)
e chiede una foto ricordo

Accontentata

Sbucando dal bosco impossibile che lo sguardo non si soffermi sulle belle dimore adagiate sulle colline

Il percorso facile, il dislivello minimo, il gruppo affaccendato in mille discorsi
e in breve si raggiunge Chiesanuova dove ci attende la famosa schiacciata all'olio

Chi cammina ama i bei luoghi e non sopporta di trovare ogni genere di rifiuti abbandonati lungo i sentieri.
Qui vedete Dante che  sta facendo pulizia.

L'ultimo tratto era discretamente fangoso,
ma dove l'acqua si raccoglie a formare un piccolo ruscello
si pu stare incantati a guardare le piccole "rapide"



Oggi siamo a casa presto: niente pranzo al sacco

L'ultima immagine per questa isolata cappellina (appena fuori da Tavarnuzze)
La cappella abbandonata nella sterpaglia, ma ben protetta da un autorevole pino solitario

Osservando meglio sotto il fregio si scorge una scritta:
" HENRICUS LUMBROSIUS EREXIT MCMII"

L'escursione finita, ma rimane un interrogativo: chi era costui ?

Cercando sulla rete troviamo che un Enrico Lumbroso
ha scritto un libro pubblicato nel 1922 a Firenze dal titolo : "Ritmo e previsione"
ma ancora prima - nel 1906 cio quattro anni dopo la costruzione della cappella -
ha scritto un libro (sempre pubblicato a Firenze) dal significativo titolo "Pensieri sulla conservazione dei morti"