ESCURSIONI

 

A PIEDI

 

NEL QUARTIERE
 

Firenze - Quartiere 4
 
Percorso n°2  
dicembre 2009:
Percorso n°3
gennaio 2010
Percorso n°4   
13 marzo 2010
Percorso n°5
 13 febbraio 2010
Percorso n°6
10 Aprile 2010
Percorso n°7
8 maggio 2010

Percorso n°8  
ottobre 2010
Percorso n°3
gennaio 2010
Percorso n°10
13
11 dicembre2010ar0
Percorso n°11
13
11 dicembre2011
Percorso n°6
10 Aprile 2010
Percorso n°7
8 maggio 2010

 

Percorso n°1: di giardino in giardino novembre 2009

 


Il Quartiere 4 è una delle aree più verdi della città
e questo percorso di 7,5 chilometri si svolge per  oltre il 90%  in aree verdi.
Scorrendo la pagina troverete le indicazioni per ripercorrerlo illustrate con vedute satellitari
che - meglio di ogni altra parola - mettono in evidenza l'abbondanza di giardini e aree verdi del Quartiere.

  Passeggiate guidate ogni secondo sabato del mese - da ottobre a maggio -
con partenza dalla sede del Quartiere 4 alle 9.30 
 

La partenza è alla sede del Quartiere - Via delle Torri 23
telefono
055 2767108 
mail q4@comune.fi.it


Nella foto sotto Villa Vogel, dove ha sede il Quartiere.

Notizie sul quartiere si possono trovare cliccando qui
o visitando il sito del Quartiere

Notizie particolareggiate sui giardini del quartiere si trovano sul sito: http://verdeonweb.comune.fi.it./ cliccando poi sulla mappa del Q4
 


Si inizia a camminare nel vialetto che vedete qui sopra verso la limonaia (che è posta nel punto dove è stata scattata la foto e che spesso è sede di mostre)
dirigendosi verso il cancello che immette nel giardino di Villa Vogel (per gli orari di apertura si veda qui).

Prima di uscire si trova un gazebo ( ecotappa ) per la raccolta di medicinali scaduti, pile usate, toner, piccoli elettrodomestici ... Così chi ha in mente di fare questa escursione ha la possibilità di portare da casa qualche oggetto difficile da smaltire.

Appena usciti dal cancello vedrete spesso delle persone che riempiono bottiglie di acqua al " Fontanello ".
Si tratta di acqua di alta qualità. Secondo le rilevazioni effettuate sui due fontanelli dei quartieri 4 e 5 si calcola che nel 2007 sono stati distribuiti gratuitamente circa 1.800.000 litri d'acqua con un risparmio ambientale di circa 36 tonnellate di plastica non prodotta e non portata in discarica, e una riduzione di oltre 70 tonnellate di anidride carbonica (CO2) immessa nell'ambiente. Per non parlare del risparmio dell'acquisto dell'acqua in bottiglia al supermercato.

Se fa caldo portatevi una borraccia e riempitela al Fontanello.
 




Dal fontanello si prosegue attraversando il bel giardino di Villa Vogel (27.000 metri quadrati), si costeggia la pista da pattinaggio, le giostre, il bar, il laghetto (nei pressi del quale sono state sistemate le due statue donate a Firenze dalla città cinese di Ningbo) e si esce dal giardino in Via Pampaloni.
Qui si piega a sinistra e su marciapiede si giunge al semaforo di Viale Canova che si attraversa proseguendo a diritto per Via Sernesi.

Dall'alto si può apprezzare l'intero parco (in rosso il nostro percorso).

Se volete " volare" più vicino al terreno e scorgere fin nei particolari l'intero percorso aprite in un'altra finestra su wikimapia (cliccando qui), quindi spostatevi su Map type dove sceglierete Google hybrid. In questo modo appariranno i nomi delle città e delle strade. Sul righello graduato a sinistra zoomate su Firenze, spostatevi sulla zona di fronte alle Cascine e zoomate ancora. Al massimo ingrandimento si scorgono le auto e persino le persone.
Le foto sono aggiornate (già presente con rotaie il nuovo ponte dedicato alla tramvia).
Ora potete iniziare a "camminare" sullo schermo col vostro mouse seguendo le nostre indicazioni, ma - attenzione ! - si cammina per davvero solo all'aria aperta !

 


Una volta in Via Sernesi, invece che su marciapiede si può scegliere di camminare nei piccoli appezzamenti verdi paralleli alla strada sul lato sinistro. In breve si giunge all'incrocio di Via Torcicoda, la si attraversa e si continua a diritto in Via dei Platani su pista ciclabile a lato di un'area verde al momento recintata ma destinata probabilmente a giardino pubblico. Al termine del marciapiede si attraversa a destra: siamo all'inizio di Via dei Pini.
 


Proprio sull'angolo soffermatevi a osservare il bell'albero il cui tronco ha una corteccia particolare: è una splendida sughera, molto insolita la sua presenza in città !
 


Immessi nel Viale dei Pini, proseguiamo sempre diritti fino ad arrivare a Piazza dell'Isolotto (chiesa, farmacia, mercato ortofrutticolo), la si oltrepassa e si prosegue sul Viale dei Bambini (siamo nel quartiere "vecchio" dell'Isolotto, nato all'inizio degli anni '50), al termine del quale, si attraversa Via dei Mortuli su un  ponte pedonale. Dalla foto aerea si scorgono numerose piccole aree verdi e giardinetti sparsi tra le case (alte massimo tre piani).

Per notizie di carattere urbanistico sull'Isolotto si veda qui.

Limitrofe al Viale dei Bambini ci sono le famose "baracche verdi", un tempo costruzioni in legno tinteggiate di verde che  negli anni '50 - '60 funzionavano da scuole elementari; oggi sono trasformate in costruzioni murarie (che tuttavia mantengono l'originale struttura) sede di un Circolo anziani e della conosciutissima Comunità dell'Isolotto di Don Mazzi che molto si è spesa per la vita sociale del quartiere).

Per visitare il sito della Comunità dell'Isolotto si veda qui.
 

Nella foto il cavalcavia che dal Viale dei Bambini supera Via dei Mortuli e conduce alla Montagnola ( scuola elementare, impianti sportivi).

Una volta sulla Montagnola si attraversa l'area giochi e si scende sulla sinistra in direzione del Lungarno dei Pioppi, prendendo a sinistra proprio lungo il fiume.


Una volta lungo il fiume lo si segue lungo la riva nel senso della corrente fino a giungere alla "passerella" dell'Isolotto che conduce alle Cascine (grande mercato il martedì) permettendo quindi di ampliare i nostri percorsi a piedi nel verde della città (il parco delle Cascine appartiene al Quartiere 5 ma di fatto è più fruibile dagli abitanti del Quartiere 4). In questo tratto si possono osservare molti animali frequentatori del fiume, in particolare gli elegantissimi aironi (nella foto sotto un airone bianco maggiore e un airone cinerino). Le osservazioni migliori si fanno con un binocolo naturalmente.
 




Oltrepassata la passerella proseguiamo lungo il fiume. La stradina asfaltata diventa un largo sentiero che conduce al Ponte dell'Indiano. Il nostro percorso è parallelo a Via dell'Isolotto. Oltrepassato il campo da golf e quello di calcio, nei pressi di un parcheggio lasciamo l'Arno e prendiamo uno stradello a sinistra che conduce agli orti sociali. A un bivio nei pressi di una fontana si gira a destra e subito dopo a sinistra costeggiando per prati (ampio parco) uno stagno, superato il quale per viottolo si punta verso l'argine che delimita Via dell'Argingrosso.
 

 

Sotto uno zoom sulla zona dello stagno e il percorso per raggiungere via dell'Argingrosso.


Una volta scavalcato l'argine e attraversata la Via dell'Argingrosso si prosegue diritti per giardino fino a sbucare in Via Massa. Si costeggia il parcheggio della ASL e la nuova biblioteca del Quartiere. Siamo su Viale Canova che attraversiamo nei pressi del Centro Commerciale (Posta, Anagrafe) prendendo a destra Via del Saletto.
 


Pochi metri e attraverso un cancelletto entriamo in un bellissimo giardino circolare. Lo circumnavighiamo uscendo dal cancello nei pressi di una pista da pattinaggio. Attraversiamo la strada e continuiamo a camminare per prato, piegando a sinistra nei pressi di una fontana fino a sbucare su Via Bramante.
Si attraversa anche questa e giungiamo in Via dei Bassi verso l'incrocio semaforico di Via Simone Martini. Ma poco prima si piega a sinistra e si entra un altro giardino fra le case. Lo si percorre fino ad arrivare alla siepe che costeggia una strada asfaltata (Via Lunga). Si gira a sinistra e dopo poche decine di metri a destra. Davanti a noi il piccolo edificio del Circolo Arci delle Torri e un grande parcheggio a sinistra (scuola, palestra, pattinaggio, gioco delle bocce). Percorriamo il parcheggio fino a trovare il passaggio pedonale a destra che in breve riporta al punto di partenza: la sede del Quartiere 4.
 


Per finire ecco lo schema dell'intero percorso. A seconda del passo il tempo di percorrenza varia da 1 ora e mezzo a 2 ore, ma naturalmente può essere accorciato in qualunque punto. Quello proposto è soltanto un suggerimento. Che comunque consigliamo vivamente. Dopo averlo fatto avrete un'altra idea di questo quartiere: non più una periferia/dormitorio ma una città a misura di cittadino.
 


Con questa camminata - a seconda del vostro peso e della velocità del vostro passo - spenderete dalle 300 alle 500 calorie (per un calcolo esatto cliccate qui) con una perdita media di peso (qui per peso si intende la massa grassa) di 40 -70 grammi. Facendo il percorso 3 volte a settimana in un anno fanno 2 - 4 kg. Indipendentemente dalla dieta. Senza contare i benefici sulla psiche, il cuore, i vasi, i muscoli, le ossa ...

Da soli o in compagnia, col sole o con la pioggia, il mondo è vostro, prendetevelo !
 



Alcuni dei partecipanti all'escursione del 14 11 2009
all'ingresso dei giardini di Via del Saletto


 

Chi fosse interessato al trekking può contattare i due Gruppi escursionistici del Quartiere: Gruppo Ambiente Trekking Le Torri (G.A.T.TO.)
Via Lunga 157 - Firenze
presso Circolo ARCI Le Torri
incontri il giovedì ore 21.15

Oltrelacittà
Via San Bartolo a Cintoia 95 - Firenze
presso Circolo ARCI San Bartolo
incontri il martedì ore 21.15

 
Clicca qui per andare alla pagina del Gruppo Ambiente Trekking Le Torri (G.A.T.TO.)
Clicca qui per andare alla pagina del Gruppo Oltrelacittà

Clicca qui per andare alla pagina del Quartiere

Clicca qui per andare alla pagina al CEDEAS (Centro di Documentazione per l'Educazione alla Salute)