ESCURSIONI

 

A PIEDI

 

NEL QUARTIERE
 

Firenze - Quartiere 4
 

  Torna alla pagina iniziale dei percorsi del Quartiere 

  Torna alla pagina iniziale del Gruppo Ambiente Trekking le Torri 

   

Percorso n°10
Villa Vogel - Villa Strozzi - Bellosguardo - Soffiano


Il Quartiere 4 è una delle aree più verdi della città
e questo percorso - attraverso aree verdi, parchi  e strade a scarso impatto di traffico - vi permette  di conoscere
i parchi di Villa Vogel e di Villa Strozzi, la riva sinistra dell'Arno
e la collina di Monte Oliveto con il più bel punto panoramico di Firenze: Bellosguardo

Scorrendo la pagina troverete le indicazioni - illustrate con vedute satellitari -
per ripercorrere la gita da soli o in compagnia.



Nella foto i partecipanti alla passeggiata dell'11 dicembre 2010
con alle spalle la veduta di Firenze e di tutti i suoi monumenti

 

La partenza è alla sede del Quartiere - Via delle Torri 23
telefono
055 2767108 
mail q4@comune.fi.it
                     

Notizie sul quartiere si possono trovare cliccando qui
o visitando il sito del Quartiere
Notizie particolareggiate sui giardini del quartiere si trovano sul sito: http://verdeonweb.comune.fi.it./ cliccando poi sulla mappa del Q4
 


Il percorso, per un totale di circa 9 chilometri,  inizia - come al solito - dalla sede del Quartiere 4 a Villa Vogel-

E adesso partiamo: dal parcheggio davanti all'ingresso principale del Quartiere entriamo nel parco di Villa Vogel, lo si attraversa e si esce su Via Pampaloni in direzione Viale Canova che si attraversa continuando a diritto per Via Sernesi. Incrociata via Torcicoda si prosegue ancora a diritto fino al Viale dei Pini che si prende a destra.
 


In breve si giunge alla piazza dell'Isolotto (chiesa, mercato rionale, edicola, farmacia). Si prosegue per il Viale dei bambini, sempre per giardino fino ad attraversare Via dei Mortuli su cavalcavia per salire sulla Montagnola. Subito si riscende e, attraversato il Lungarno dei Pioppi ci si porta sull'Arno continuando a camminare in direzione contraria a quella della corrente del fiume. Sulla riva opposta il parco delle Cascine.
 


Costeggiando l'Arno si arriva al nuovo ponte (riservato alla tramvia n°1, ma anche pedonale). Si attraversano i binari in piazza Paolo Uccello ( fermata della tramvia che consente anche a chi proviene dal centro della città di fare l'intero percorso ad anello utilizzando solo il mezzo pubblico) e ci si dirige per Via del Pignoncino, si attraversa Via Bronzino e, continuando per Via Giovanni della Casa si giunge a Via Pisana.
 


Su strisce pedonali ci si porta sul marciapiede opposto prendendo poi a sinistra. Fatti pochi metri, si volta a destra e  attraverso un cancello si prende a salire su strada asfaltata che si lascia quasi subito per continuare a salire su una scalinata fino a sbucare in un area dove troneggia un ponticello in muratura (vedi foto). Qui volendo si può  visitare il bel parco, ma il nostro itinerario prosegue uscendo in Via di Monte Oliveto. Il paesaggio cambia immediatamente: siamo in aperta campagna. Un muro pencolante sulla via lascia intravedere una antica incisione: il giglio - simbolo di Firenze (foto)
 

 


Dopo un breve tratto in piano si volta a destra e si prende a salire per una stradella stretta che conduce al Prato dello Strozzino. Voltando a destra si continua a salire su Via di Bellosguardo dove la vista si apre sul panorama di Firenze (foto d'apertura in questa pagina). Ma il punto più panoramico si trova all'estremità di Via Roti Michelozzi (sotto la villa dell'Omrellino) evidenziato i cerchi concentrici sulla mappa del percorso. Merita una breve deviazione.

A nostro parere si tratta del punto più panoramico sulla città ( vedi foto).
 

 


Superata la piazzetta di Bellosguardo si prende a destra Via di San Carlo (subito appare il panorama sulla zona sud ovest della città, in particolare una veduta ravvicinata sul Quartiere 4). La strada è stretta (attenzione ai veicoli) e scende tra due muretti con belle vedute delle colline (vedi foto).
 

 


Giunti alla fine della discesa si prende a sinistra in Via di Soffiano e, costeggiando il cimitero, si entra in Via Guardavia fino all'incrocio di Via di Scandicci.
 


 


Si attraversa Via di Scandicci e si prende Via dl Ronco Corto. Questa è tagliata dal Viale Nenni (la fermata della tramvia è un altro punto di partenza possibile di questo anello, come pure può essere utile per dividere il percorso a metà scendendo alla fermata "Paolo Uccello" e risalendo qui alla fermata "Arcipressi")

Giunti in Piazza Carlo Dolci si volta a destra su Via Cecco Bravo che - continuando sempre a diritto e attraversando prima Via Pisana e poi Via Baccio da Montelupo - diventa Via di San Quirico.

 


 


Giunti all'incrocio con Via Lunga si volta a sinistra. Si sottopassa Viale Etruria, si attraversa Via Pampaloni per terminare il nostro percorso con l'ultimo tratto di Via delle Torri. In pochi minuti siamo di nuovo alla sede del Quartiere 4 dove si chiude l'anello.
 



 


Con questa camminata - a seconda del vostro peso e della velocità del vostro passo - spenderete dalle 400 alle 600 calorie (per un calcolo esatto cliccate qui) con una perdita media di peso (qui per peso si intende la massa grassa) di 50 -90 grammi. Facendo il percorso 3 volte a settimana in un anno fanno 3 - 6 kg. Indipendentemente dalla dieta. Senza contare i benefici sulla psiche, il cuore, i vasi, i muscoli, le ossa ...

Da soli o in compagnia, col sole o con la pioggia, il mondo è nostro, prendiamocelo !
 

 
Chi fosse interessato al trekking può contattare i due Gruppi escursionistici del Quartiere: Gruppo Ambiente Trekking Le Torri (G.A.T.TO.)
Via Lunga 157 - Firenze
presso Circolo ARCI Le Torri
incontri il giovedì ore 21.15

Oltrelacittà
Via San Bartolo a Cintoia 95 - Firenze
presso Circolo ARCI San Bartolo
incontri il martedì ore 21.15

 

 

Clicca qui per andare alla pagina del Gruppo Ambiente Trekking Le Torri (G.A.T.TO.)
Clicca qui per andare alla pagina del Gruppo Oltrelacittà

Clicca qui per andare alla pagina del Quartiere

Clicca qui per andare alla pagina al CEDEAS (Centro di Documentazione per l'Educazione alla Salute)